Coesistenza, uno studio tedesco individua in chilometri la distanza per evitare l’inquinamento ambientale di altri campi coltivati non OGM.

Deposizione di polline di mais in relazione alla distanza dalla sorgente di polline più vicina – risultati di 10 anni di monitoraggio (2001 al 2010)

Frieder Hofmann, Mathias Otto e Werner Wosniok

Pubblicato su Scienze Ambientali Europe 2014, 26:24 doi: 10,1186 / s12302-014-0024-3

http://linkis.com/enveurope.com/Environmental_Scienc.html

Riassunto

Informazioni sulla dispersione del polline è essenziale per la valutazione del rischio e la gestione degli organismi geneticamente modificati (OGM) come il mais Bt. Sono stati analizzati i dati sulla dispersione di polline di mais in 216 siti in Germania, Svizzera e Belgio dal 2001 al 2010. Tutti i dati sono stati raccolti utilizzando lo stesso metodo di campionamento standardizzato. Le distanze tra sito di campionamento e il campo di mais vicino variavano all’interno del campo di 4,45 km.

Risultati

La deposizione di polline di mais è negativamente correlata con la distanza dalla fonte di polline più vicino. La più alta deposizione di polline è all’interno del campo, ma deposizioni di diverse migliaia di pollini per metro quadro sono stati registrati nel campo di chilometri. Un modello di funzione di potenza ha descritto più accuratamente la relazione tra il deposito e la distanza dalla fonte di polline più vicina, piuttosto che il modello esponenziale attualmente utilizzato nella valutazione del rischio nell’UE e di gestione, che sottovaluta l’esposizione per le distanze superiori a 10 m. L’analisi di regressione ha confermato l’alto significato del rapporto di potere. La grande variabilità nel polline di deposizione ad una data distanza riflette le influenze di direzione del vento e di altre condizioni meteorologiche e del sito. Variazioni plausibili dei valori singoli e del predetto media pollini ad una data distanza sono stati espressi da intervalli di confidenza.

Conclusioni

Il modello qui descritto permette stime di polline di deposizione in funzione della distanza dal campo più vicino; quindi, sarà prezioso per la valutazione del rischio e la gestione degli OGM. I nostri risultati indicano che zone cuscinetto dell’ordine del chilometro sono necessari per prevenire l’esposizione nociva di organismi non bersaglio agli OGM.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...